lunedì 30 novembre 2009

GENERATORE DI CARTOLINE DI NATALE











Vi siete dimenticati di comprare la cartolina di natale e avete solo una manciata di minuti per risolvere la situazione e non fare una brutta figura? Usate questo veloce generator: Online Christmas Card Maker

E Buon Natale....

giovedì 19 novembre 2009

INVENTORI DI MALATTIE



In Inventori di malattie, si racconta come lindustria farmaceutica finanziarizzata sia oggi in qualche modo costretta ad ingigantire, spesso con attente strategie di marketing della paura, nuove malattie pur di assicurare un rendimento crescente delle proprie azioni. I danni a carico della collettivita mondiale e della sua salute sono incredibilmente evidenti. In America piu di 5 milioni di bambini vengono trattati con psicofarmaci, semplicemente perche troppo vivaci.

Chi é ancora indeciso sul vaccino per la nuova influenza, a questi link 1 e 2 vi sono molti articoli utili.
Questa la seconda parte del documentario. Per le altre parti segui i link su youtube.

giovedì 12 novembre 2009

THE YES MEN FIX THE WORLD



The Yes Men Fix the World é un esilarante documentario sulle birbonate di Andy Bichlbaum e Mike Bonanno, paladini della notizia… perché a volte è necessario mentire per poter dire la verità!

Un film sull’ingordigia delle multinazionali, sugli orrori delle compagnie petrolifere e sulle vomitevoli lobby che muovono i governi dei paesi più ricchi del mondo. Guardatelo in versione integrale a questo link.

lunedì 9 novembre 2009

NUOVO ALBUM DEGLI YES?

YesGroup1strip

Sessantuno anni e non sentirli... Chris Squire, leader indiscusso della leggenda YES, non sembra avere nessuna intenzione di andare in pensione. On the road con due band contemporaneamente (Yes & Asia), ha deciso recentemente di sostituire la sublime voce dello storico Jon Anderson (afflitto da problemi di respirazione) con quella di Benoit David, cantante di una nota cover-band.

Non è la prima volta che i paladini del prog si ritrovano con un nuovo cantante, nonostante le linee vocali di Anderson siano parte fondamentale del loro sound. Nel 1980 uscì infatti l’album “Drama”, con Trevor Horn alla voce. Malgrado la mancanza, rimane ad oggi uno degli album più sorprendenti della band, data anche la sua collocazione temporale.

Squire, a cui è appena nata una figlia, ha rivelato in un’intervista di essere intenzionato a iniziare presto le registrazioni di un nuovo disco insieme alla presente line-up: Steve Howe, Alan White, Benoit David e il figlio del leggendario Wakeman, Oliver.
Per Anderson la porta rimane aperta, sempre se le sue condizioni di salute gli permetteranno di entrare in sala registrazione. Altrimenti, il rock deve andare avanti, almeno secondo il ringalluzzito bassista inglese.

http://www.yesworld.com/

lunedì 2 novembre 2009

IL VIOLINISTA METROPOLITANO

É un fredda mattinata di gennaio al DC Metro Station di Washington. Un costante fluire di carne umana percorre i lunghi corridoi della metropolitana, illuminata asetticamente dai neon. È il plasma vitale di un assurdo sistema che ci vuole produttivi e consenzienti. Il brontolio sommesso di migliaia di zampette calzate di pelle o di gomma, è interrotto improvvisamente dal suono dolce e pungente di un violino.
Il violinista suona sei pezzi di Bach per circa quarantacinque minuti. Durante questo periodo più di duemila persone attraversano la stazione, involucri di energie sedate, trascinati quotidianamente ai loro posti di lavoro da invisibili fili. È l’assurda danza del bel mondo…
Dopo tre minuti un uomo di mezza età nota il musicista suonare. Come rapito per un attimo dalla vibrazione di quelle corde, l’uomo rallenta, si ferma per alcuni secondi e poi si affretta a tornare sulla sua strada.
Quattro minuti più tardi il violinista riceve il suo primo dollaro: una donna gli getta i soldi nel cappello e, senza fermarsi, continua a camminare. È forse un gesto istintivo, dettato dal suo inconscio?
Poco dopo un giovane si appoggia al muro ad ascoltare la musica, indeciso se farsi catturare o ritornare sui suoi passi. Guarda l'orologio e l’inganno lo sorprende nuovamente. Si allontana veloce accompagnato da un fraseggio di Bach.
Dieci minuti più tardi un bimbo di appena tre anni si ferma, ma la madre lo trascina via di fretta. Il ragazzo punta i piedi per poter guardare il violinista più da vicino, lui che non é attaccato ad alcun filo ma è appendice di una madre impegnata. Lei lo spinge, intimandogli di camminare, e lui non può fare altro che ubbidirle, ma continua a girare la testa in direzione di quella melodia, fino a quando la folla non gli sottrae alla vista le abili dita del musicista. Nell’arco della performance questo episodio si ripete molte altre volte con altrettanti bambini, ed ogni genitore, senza alcuna eccezione, trascina via di forza il proprio figlio.
Sono passati quarantacinque minuti e il musicista continua a suonare. Solamente sei persone si sono fermate ad ascoltarlo per un breve periodo. Una ventina gli ha dato dei soldi senza però fermarsi. L'uomo ha raccolto un totale di trentadue dollari.
Quando finisce di suonare nessuno lo nota. Nessuno applaude, né vi é alcun riconoscimento. Lo zampettio degli insetti riprende possesso dell’etere del corridoio.
Nessuno lo sa, ma quel violinista è Joshua Bell, uno dei più grandi musicisti al mondo. Durante quell’ora scarsa ha suonato uno dei pezzi più complessi che sia mai stato composto, con un violino del valore di tre milioni e mezzo di dollari. Due giorni prima Joshua Bell ha fatto il tutto esaurito in un teatro di Boston, dove i posti costano in media cento dollari.
Allora c’è da chiedersi, se non riusciamo a ritagliarci un momento per fermarci ed ascoltare uno dei migliori musicisti del mondo che suona gratuitamente alcune delle musiche più belle mai scritte, con uno degli strumenti più pregiati mai realizzati, quante altre cose meravigliose della nostra quotidianità ci facciamo mancare?


Questo episodio é realmente accaduto e ho deciso di costruirci sopra una piccola storia, come ho giá usato fare in passato. Il progetto l'ho chiamato "L'Orfanotrofio delle storie", ovvero il riproporre episodi di vita o eventi con un nuovo abito.

Joshua Bell che suona in incognito alla stazione della metropolitana fu un evento organizzato dal Washington Post come parte di un esperimento sociale sulla percezione, il gusto e le priorità della gente.

Le questioni sollevate:

- In un ambiente affollato durante un'ora inopportuna, riusciamo a percepire la bellezza?

- Riusciamo a fermarci per apprezzarla?

- In un contesto inaspettato, riusciamo a riconoscere il talento?

FONTE: http://bitsofwisdom.org/2009/10/21/interesting/perception/
Si è verificato un errore nel gadget